PEZZATURE: G.300-G.580-G.700

Ingredienti:Cipolle, sedano, carote, piselli, sale, pepe, olio extravergine di oliva.

 

Famosa è la zuppa di cipolle, soupe a l’ognon, resa celebre in tutto il mondo dalle varie trattorie

situate intorno a “Les Halles”ai mercati generali di Parigi. Tuttavia capostipite di tutte le moderne

zuppe di cipolle può essere considerata la fiorentina Carabaccia.

Il nome Carabaccia viene dal greco “Karabos”che vuol dire barca a forma di guscio.

Dal concetto di guscio si è poi passati, misteri delle lingue, al concetto di zuppiera e quindi di

zuppa. La Carabaccia con ingredienti leggermente diversi viene citata da Cristoforo da Messisbugo,

nel 1500, che la descrive con il nome di “Carabazada”.

Modalità d’uso: abbrustolite delle fette di pane casalingo. Su di esse versate la Carabaccia

precedentemente riscaldata in un padellino con un po’ di brodo o acqua. Mettete poi, se lo gradite,

un uovo in camicia cotto a parte in acqua non salata. Servite cospargendo il tutto di parmigiano grattugiato.

 

Ingredients: onions, celery, carrots, green pies, salt, black pepper and extra-virgin olive oil.

 

The onion soup is so famous especially thanks to the many “brasseries” situated around the

markets of “Les Halles” quarter in Paris.

But, anyway, initiator of all the modern onion soup worldwide can be considered the Florentine

Carabaccia !

The name Carabaccia comes from Greek word “Karabos” which means boat with a shell shape.

From shell (the mystery of the languages !) it arrived to soup tureen and finally to soup.

The Carabaccia, even if with different ingredients, has been mentioned in year 1500 from

Cristoforo Da Messisburgo, who described it with name “Carabazada”.

How to taste and like it: firstly heat up it in a small pan with some stock or water, then serve

it on toasted bread. If you like it, put at the end also one poached egg, cooked separately in

water not salted. Finally a handful of grated Parmesan cheese on top.